21/05/2017 Dalla Tomba di Dante al Parco letterario di San Marco

 

Il Cammino di Dante presenta:

“Sulle orme di Dante”

21 Maggio ore 9 ritrovo presso la tomba di Dante

Ravenna-San Marco

D.A.N.T.E. (DANTE, ALIMENTAZIONE, NATURA, TREKKING, EDUCAZIONE AL BENESSERE E SALUTE) A RAVENNA

12373405_136682473368882_8696168441824191139_n

“Ore 9,15: ritrovo presso la Tomba di Dante. Visita della Tomba e del Quadrarco adiacente. Esposizione pannelli tematici della Divina Commedia. Con la partecipazione di:

Andrea Chaves, Silvia Rossetti, Giovanni Tonelli, Fabrizio Fantini, Alberto Farolfi

Ore 9.30/10: partenza a piedi dal centro storico verso San Marco.

Tappe:

  • Vetrina della Biblioteca Oriani con il ritratto di Dante realizzato da No Curves;

  • Targa Rinaldo da Concorezzo in Piazza San Francesco;

  • Basilica di San Francesco

  • Casa Polentana di Via Zagarelli alle Mura (pannello personaggi Paolo e Francesca);

  • Chiusa di San Marco. ( il XXVIII del Purgatorio, i fiumi Lete e dell’Eunoè)

Ore 13 circa: arrivo previsto al parco di San Marco.

Silvia Rossetti e Fabrizio Fantini, realizzatori del pannelli tematici dell’Inferno e del Purgatorio racconteranno l’avventura del “Libro più lungo del Mondo”: La Divina Commedia lungo il Cammino di Dante

L’evento si svolge con il patrocinio dello IOR e della LILT, è gradita la prenotazione: tel. 327 4233183

D.A.N.T.E. (DANTE, ALIMENTAZIONE, NATURA, TREKKING, EDUCAZIONE AL BENESSERE E SALUTE) A DOVADOLA

24 Maggio 2017 Ritrovo ore 9 piazza centrale di Dovadola

L’evento si svolge con il patrocinio dello IOR e della LILT e si prefigge di realizzare sinergie tra cultura dantesca, movimento, corretti stili di vita e prevenzione.
Il percorso ad anello di 18 km ha un dislivello di 425 mt e ripercorre le strade antiche che portano in cresta tra la vallata di Dovadola e quella di Modigliana. Si tratta di una camminata lungo i territori dei Conti Guidi in cui si intersecano parti del percorso del Cammino di Assisi e del Cammino di Dante. La partenza è prevista per le ore 9,00 dalla piazza di Dovadola dove il sindaco, Gabriele Zelli, accoglierà i camminatori ed esporrà una breve relazione sulla storia del territorio. Si salirà poi sulla vecchia mulattiera verso l’Eremo del Montepaolo, situato sul colle omonimo, in mezzo alla natura. Qui nel 1221 ebbe la sua prima residenza S. Antonio da Padova e alcuni mosaici recenti ne ricordano le fasi cruciali della vita. A Montepaolo si potrà visitare gratuitamente l’Eremo aperto fino alle ore 12,00 e fare un piccolo ristoro al sacco. Nella sala convegni della caratteristica casa colonica adiacente, la dott.ssa Patrizia Serra, biologa nutrizionista presso l’IRST, svolgerà una lezione su alimentazione e corretti stili di vita. Percorrendo le antiche strade di cresta ci si inserirà poi nella diciottesima tappa del Cammino di Dante e in discesa tra le vecchie strade poderali si tornerà a Dovadola, dove si potrà ammirare un panorama mozzafiato su tutta la vallata.
E’ richiesta la prenotazione. 327 4233183

D.A.N.T.E. (DANTE, ALIMENTAZIONE, NATURA, TREKKING, EDUCAZIONE AL BENESSERE E SALUTE) A BRISIGHELLA

28 Maggio 2017 Ritrovo ore 9 p.zza Carducci Brisighella

PROMOTORE:
ASSOCIAZIONE IL CAMMINO DANTESCO

CATEGORIA:
ARTE,STORIA,CULTURA

L’evento ha il Patrocinio dello IOR e della LILT.
Il percorso ad anello di 7 Km si sviluppa lungo la terza tappa del Cammino di Dante. La passeggiata è adatta a tutti e ha un dislivello di 291 mt. La partenza è prevista alle ore 9,00 da Piazza Carducci da cui si raggiungerà il Convento dell’Osservanza dove l’attore Giovanni Tonelli commenterà alcuni passi della Divina Commedia e la dott.ssa Patrizia Serra, biologo nutrizionista dell’IRST, svolgerà una lezione su corretta alimentazione e stili di vita. Attraversando la Via degli Asini si salirà poi fino alla cava Monticino. Lungo il percorso le Guide Ambientali introdurranno i camminatori all’esperienza fisica e mentale del Cammino e del mondo di Dante con un’esplorazione non solo del territorio ma anche di sé stessi. Raggiunto il rifugio Ca’ Carnè, in cui si trova anche un piccolo museo naturalistico sulla fauna della Vena del Gesso romagnola e dopo una sosta per mangiare al sacco o al ristorante su prenotazione, si rientrerà a Brisighella costeggiando la cava Monticino, le cui grotte nel gesso evocano suggestioni che rimandano al mistero insito nell’opera di Dante, alla personale esperienza di avventura nell’ignoto, alla sfida personale del camminatore e al benessere regalato alla fine di questa esperienza. Rientrati a Brisighella, si visiterà un’antica fornace appartenuta alla famiglia di gessaioli locali Malpezzi e poi si raggiungerà la Rocca di Brisighella, un castello con un panorama mozzafiato.

E’ richiesta la prenotazione. 327 4233183

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *