Bollettino del cammino

Bollettino del Cammino di Dante

Contatti utili Cai:

Cai Forlì

Soccorso Alpino Cai Arezzo

Soccorso Alpino

 

OTTOBRE 2018, Attenzione chiude il Rifugio Forlì

Chiude il Rifugio Cai Città di Forlì, i gestori salutano: “Gestirlo è difficile. Ci trasferiamo sulle Prealpi venete”
A  inizio ottobre ha chiuso il Rifugio Cai Città di Forlì. Lo annunciano con un post pubblicato su Facebook gli ormai ex gestori Cristina Stucchi e Marco Nofri. La struttura si trova ai 1452 metri sui Prati della Burraia, nel cuore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna. Attraverso un breve percorso di non più di 10 minuti, all’interno di una faggeta, o seguendo il sentiero che dal Passo della Callaporta direttamente alla Burraia, si raggiunge a piedi il rifugio, dodato di 19 camere per un totale di 50 posti letto, ristorante ed una sala conferenze. “Ci siamo trasferiti in un nuovo e bellissimo rifugio sulle Prealpi venete, ad un tiro di schioppo dal Trentino – viene evidenziato -. Il nuovo rifugio è piccolo, caldo e di facile gestione e soprattutto vicino ad una strada sempre pulita d’inverno”.

Ma perchè chiudere la struttura? “Il Forlì è di difficile gestione d’inverno – spiegano Marco e Cristina -. Quest’anno è stato durissimo con la neve (si ricordi la valanga che ha bloccato per settimane il tratto più alto del Passo, ndr) e si sa l’anagrafe è impietosa, ogni anno si diventa più vecchi, più stanchi e senza incentivi e riconoscimenti sostanziali diventa difficilissimo gestire una struttura disagiata come location”.

Gli ex gestori evidenziano di aver “cercato per sei anni di dare un servizio agli amanti della montagna anche a costo di sacrifici enormi, nel cuore di uno dei posti più belli dell’Appennino e nel contempo incompreso dalle istituzioni. Quante cose belle e non impattanti si potevano fare nel Parco, quanto si poteva fare per agevolare i sempre più rari imprenditori che decidono di viverci e lavorarci. Abbiamo resistito sei anni e questo ci ha dato la possibilità di stabilire rapporti belli e speciali con quasi tutti voi, di conoscerci e, di tanti possiamo dire: quello è un amico vero”. Il rifugio intanto attende un nuovo gestore. Ed è forte il rischio che resti chiuso a lungo.

In alternativa al rifugio Forlì c’è lo Chalet la Burraia poco più avanti.

 

Giugno 2019

A seguito delle intense piogge, nelle prossime settimane i percorsi potrebbero presentarsi fangosi e scivolosi su entrambi i versanti . Prestare attenzione e utilizzare un equipaggiamento adatto. Oltretutto il maltempo ha impedito fino ad ora lo sfalcio di alcuni sentieri. Provvederemo quanto prima alla loro sistemazione.

Giugno 2019, deviazione tappa 19 forlì – pontevico

A seguito delle intense piogge del mese di maggio e del conseguente cedimento dell’argine destro del Fiume Montone,  è necessario fare una deviazione per evitare il tratto dell’argine presso Villafranca (Forlì). A circa 7km da Forlì scendere dal rivale viaBraccianti e percorrere la via Lughese e salire sul rivale piu avanti da via Zampighi. Seguire il percorso come indicato nella cartina.